add wishlist add wishlist show wishlist add compare add compare show compare preloader

Causa scioperi indetti dalle principali sigle sindacali, le consegne potrebbero subire ritardi - SPEDIZIONE GRATIS DA 49€

Tumore alla mammella nei cani - Sintomi, Cause e cosa sapere Amici e Natura iTALIA

Tumore alla mammella nei cani - Sintomi, Cause e cosa sapere

Tumore alla mammella nei cani - Sintomi, Cause e cosa sapere

I tumori alla mammella sono i secondi più ricorrenti nei cani dopo i tumori cutanei.

Possono essere sia di natura benigna che malignano la stessa percentuale di casistica, infatti in circa il 50% dei casi di tratta di neoplasie benigne e nel restante 50% dei casi si tratta invece di quelle maligne. 

Quelli benigni sono solitamente a “crescita moderata”, questo vuol di che aumentano il loro volume molto lentamente nel tempo. Al contrario di quelli maligni che risultano particolarmente aggressivi e crescono molto velocemente, infiltrandosi nei tessuti circostanti e dando origine a metastasi in organi come polmoni, reni, cuore e molti altri. 

Al contrario di quanto si possa pensare, i tumori mammari si sviluppano anche nel cane maschio, solitamente in concomitanza con anomalie ormonali. Quando viene riscontrata una neoplasia alla mammella in un cane maschio, nella maggior parte dei casi si tratta di una formazione maligna.

Ma quali possono essere alcune delle cause. Quando la nostra femminuccia non è ovariectomizzate le neoplasie mammarie sono in assoluto le più comuni, rappresentando circa il 50% di tutti i tumori. Questo perché si tratta di un tumore che è ormono-dipendente, ovvero è influenzato dagli ormoni ovarici responsabili del normale sviluppo mammario.

Più il nostro cane esposto a questi ormoni più il rischio di contrarre questo tipo di tumore aumenta: nella pubertà si aggira attorno allo 0,05%, quando la sterilizzazione avviene prima del secondo calore si parla di un 8%, mentre se viene eseguita dopo il secondo calore si passa al 26%. Successivamente l’effetto della sterilizzazione sull’incidenza dei tumori alle mammelle diventa praticamente nullo.

Come si può già vedere una potenziale prevenzione e quindi fare questo intervento con estrema reattività. Perché la probabilità di contrarlo aumenta ma mano che il nostro cane invecchia con un picco di probabilità che va attorno ai 5-10 anni di vita.

In questi anni fate attenzione se notate alcuni sintomi come dei piccoli noduli all'altezza delle mammelle sia distribuiti su una che su più. Crescono molto velocemente quindi sono facilmente individuabili solitamente soprattutto nelle visite periodiche da un veterinario.

Secondo recenti studi, anche l’utilizzo di progestinici per prevenire il calore o l’obesità, soprattutto se precoce può influenzare in modo notevole lo sviluppo di questi tumori.

Ma una volta che riscontriamo questo tipo di tumore nel nostro amico a quattro zampe cosa dobbiamo fare?

La prima azione da fare e sicuramente è anche quella più preferibile, è la chirurgia, ovviamente nei soggetti in cui il tumore è operabile. In caso lo fosse necessario programmare rapidamente un intervento e procedere con l'asportazione della massa, infatti come per noi umani prima si rimuove la massa più possibilità ci sono che il soggetto guarisca completamente e che non ci siano complicazioni

Mentre tutto deve essere però preceduto da opportune visite e accertamenti sia per verificare lo stato di salute dell'animale sia l'effettiva presenza di masse, questo garantisce anche che l'intervento possa essere sostenuto dall'animale senza complicazioni durante il procedimento.

Durante l’intervento chirurgico si ha l’asportazione della mammella con formazione neoplastica, ovviamente poi ogni intervento differisce da caso a caso e sta al chirurgo essere in grado di adattarsi. Solitamente durante l’intervento di mastectomia viene eseguita anche la sterilizzazione, procedura vivamente consigliata per salvaguardiare la salute della cagna.


Successivamente all’asportazione chirurgica solitamente si esegue un esame istologico sul tessuto prelevato al fine di confermare la diagnosi, determinare la natura del tumore e valutarne in grado di malignità.
Dopo l’intervento di asportazione della neoplasia è necessario che il cane venga sottoposto a visite periodiche, così da monitorare lo sviluppo di eventuali recidive esattamente come per noi esseri umani.

Tumore alla mammella nei cani - Sintomi, Cause e cosa sapere