add wishlist add wishlist show wishlist add compare add compare show compare preloader

Causa scioperi indetti dalle principali sigle sindacali, le consegne potrebbero subire ritardi - SPEDIZIONE GRATIS DA 49€

I cani hanno il raffreddore? Possono ammalarsi? Amici e Natura iTALIA

I cani hanno il raffreddore? Possono ammalarsi?

I cani hanno soffrono di raffreddore?

Anche i nostri amici a quattro zampe possono ammalarsi e prendere il raffreddore, proprio come noi esseri umani, un’infezione di questo tipo che può colpire sia il cane adulto che i cuccioli. Del resto anche loro sono esposti ai cambi stagionali e agli sbalzi di temperatura, quindi di conseguenza, ai batteri influenzali che circolano nell’aria.

Durata e rischi della malattia

 Solitamente il raffreddore si può superare velocemente, passa infatti in circa due o tre giorni. È  importante che il proprietario si accorga dello stato influenzale del proprio cane, in questo modo si può agire più rapidamente ed aggirare il problema facilitando la guarigione del vostro amico a quattro zampe.

Per il nostro amico a quattro zampe l’olfatto, e di conseguenza il naso, sono cosa molto importanti. È il senso più importante che possiedono, lo usano per conoscere e orientarsi nel mondo esterno, senza esso tutti i loro sensi risulteranno rallentanti e confusi. Per questo è necessario bloccare l’infezione subito, in questo mondo non si rischi che degeneri in tosse e bronchite.

Contagio e sintomi

Proprio per i sensi rallentati il cane potrebbe risultare più tranquillo e rilassato, cercherà di riposarsi in un luogo appartato e aspetterà che l’infezione passi. Per questo per accorgercene dobbiamo fare attenzione anche ai sintomi, spesso simili a quelli umani. Molto spesso siamo noi stessi a essere portatori iniziali del virus perciò cerchiamo di ricordarci se nei tempi recenti abbiamo per caso contratto questo tipo di infezione favorendo starnuti, tosse, dolore muscolare, mal di testa e a volte anche la febbre.

Decorso

Il decorso può variare in base all’età del cane e anche alla razza. C’è da tenere in conto anche che se al raffreddore si aggiunge la tosse può capitare che il cane vomiti il catarro. Se gli starnuti cessano rapidamente nel giro di qualche giorno non c’è da preoccuparsi, mentre se perpetuano nel tempo e il muco è tanto è sempre consigliabili portarli da un veterinario per degli accertamenti.

Cura e rimedi per il raffreddore del cane

Come già consigliato, è sempre una buona idea portare il nostro amico a quattro zampe dal veterinario. Inoltre è importante assicurargli un po’ di tranquillità e una cuccia calda, pulita e accogliente. È importante che la percepisca come uno spazio protetto e che non sia esposto a correnti d’aria.

Bisogna ricordarsi di asciugarlo più attentamente del solito, di evitare che percepisca umidità e assicurargli una sana alimentazione che aiuti la reidratazione e lo smaltimento del catarro.

Anche se potrebbe rifiutarla è importante che rimanga idratato e che il suo livello di acqua non scenda, perciò è necessario fornirli dell’acqua.

Nel caso la rifiuti aiutatelo con una siringa priva di ago o da sciroppo, oppure aggiungendola al cibo sotto forma di brodo caldo.

Se dovesse prendere delle medicine il consiglio è di nasconderle nel cibo, così da convincerlo ad assumerle. Per favorire la respirazione liberare le sue narici portatelo con voi in bagno, chiudendo la porta, aprendo il rubinetto d’acqua calda. Dopo circa 10 il vapore sbloccherà il catarro.

I cani hanno soffrono di raffreddore?