add wishlist add wishlist show wishlist add compare add compare show compare preloader

Causa scioperi indetti dalle principali sigle sindacali, le consegne potrebbero subire ritardi - SPEDIZIONE GRATIS DA 49€

Cane che Cambia i Denti - Cosa sapere e come intervenire Amici e Natura iTALIA

Cane che Cambia i Denti - Cosa sapere e come intervenire

Cane che Cambia i Denti - Cosa sapere e come intervenire

I cani cambiano i denti fra i 4 e i 5 mesi, in questo periodo i denti da latte,  28, vengono sostituiti dai denti definitivi.

Successivamente a questo cambiamento al nostro fedele amico a quattro zampe spunteranno i molari, denti definitivi, con cui raggiungerà la sua dentatura definitiva, formata da 42 denti.

Quando il cane diventa poi anziano non andrà incontro a un vero e proprio cambiamento dei denti, bensì a una perdita. Infatti verso i 10 anni è possibile assistere alla caduta dei denti davanti, ovvero i picozzi. Col passare degli anni essi saranno seguiti dalla perdita graduale degli altri canini, se avete la fortuna che il vostro compagno a 4 zampe sia molto longevo potreste anche vederlo senza alcun canino.

Per questo motivo osservando la dentatura di un cane è spesso possibile capire anche la sua età.

Durante questo processo solitamente non ci sono particolari criticità a cui il padrone debba prestare attenzione. Molto spesso infatti accade che il cane, durante il cambiamento di dentatura, ingoi i denti che perde. Per questo potreste anche non accorgervi di tale cambiamento.

Altre volte però possibile che il vostro cucciolo provi dolore, fastidio o anche solo prurito alle gengive, in particolare dopo la caduta, quando i denti da adulto iniziano a spuntare. Questo accade ovviamente perché essi sono più grossi e numerosi e le gengive potrebbero non essere pronte a tale necessità,  sopratutto se essa si verifica in modo veloce e poco graduale. In caso si verifichi tale situazione è possibile che inizi a mordere le cose che trova alla sua portata per sopperire al dolore, è importante però assicurarsi di controllare periodicamente la bocca e le gengive per assicurarsi che stiano bene e siano sane.

Per i cani più piccini, quelli cosiddetti brachicefali e di taglia mini, c’è da prestare un po’ più di attenzione. Proprio per la loro taglia e per la conformazione del loro cranio, che risulta più stretta rispetto a quella di un cane di normali dimensioni, ci possono essere più rischi. Per la loro struttura infatti sono più spesso soggetti a occlusioni dentali o a problemi di masticazione. In questo caso è sempre meglio consultare un veterinario e seguire i suoi suggerimenti.

Non stupitevi se vi verrà suggerito un trattamento per la cura dell’igiene dentale del vostro piccolo amico a quattro zampe. Infatti è sempre bene, anche dopo che saranno spuntanti i denti definitivi, procedere a prendersi cura dei denti del vostro cane. Solitamente basta seguire una corretta pulizia e spazzolamento affinché non ci siano”incidenti di percorso”.

CONSIGLIO EXTRA:

Come ultima cosa ricordatevi di prestare attenzione anche al cibo che gli date. Esso infatti influisce notevolmente sull’igiene orale del vostro cane. Spesso sono consigliato per esempio cibi e alimenti secchi che hanno un effetto abrasivo e aiutano rimuovere la placca dalle corone dentare, inoltre si accumulano meno nelle fessure gengivali che rimangono pulite e sono meno a rischio di irritazioni e infezioni.